Home La Gnosi

La Gnosi

Cos’è la Gnosi? Possiamo considerare la Gnosi come l’insegnamento primordiale all’origine di tutte le religioni, credenze, filosofie iniziatiche, culture e tradizioni popolari di ogni luogo e periodo della storia umana.

La Gnosi è al centro di ogni conoscenza umana e spirituale, la potremmo senz’altro definire come Scienza del Divino, da cui deriva il Sapere Universale.

La Gnosi è presente in ogni tradizione, popolo e cultura, essa è la trasmissione dei principi divini all’uomo e il mezzo della sua elevazione spirituale (re-ligione, yoga o zen).

La Gnosi non appartiene al tempo né allo spazio, essa è eterna ed assoluta… ai Maestri spirituali, Avatara o Uomini santi spetta il sacrificio di trasmetterla e ricordarla ai propri simili sotto forma di parole o testi sacri.

Nel corso dei secoli l’uomo ha cercato forme di Sapere che gli permettessero di riavvicinarsi alla Divinità, ad esempio attraverso l’arte sacra, la scienza superiore, le filosofie iniziatiche e il misticismo che rappresentano le quattro colonne su cui si fonda la Sapienza divina.

Tracce di questo Sapere sono presenti in ogni parte del mondo, a testimonianza di una Conoscenza molto antica e comune a tutti: la Tradizione spirituale.

Tutti i princìpi contenuti nella Gnosi sono pertanto comuni ad ogni essere umano e soprattutto alla sua anima, caratterizzando questa filosofia come Perenne ed Universale.

Attraverso uno studio comparato delle grandi religioni si sono riscontrati princìpi comuni quali: la caduta nell’oblio dell’essere umano, la consapevolezza della sofferenza nella materialità, l’anelito di salvezza dell’anima, la possibilità di riconquistare un più alto livello di coscienza…

L’Insegnamento gnostico contemporaneo trasmesso nel secolo scorso dal Maestro Samael Aun Weor ha il compito di far riscoprire, valorizzare e trasmettere questo antico Sapere come un qualcosa di assolutamente attuale…

L’Italia, ricca di storia, arte e cultura ha infinite testimonianze di questa conoscenza, ad esempio: la Cappella Scrovegni a Padova, la Basilica di Aquileia, Palazzo Te a Mantova, la chiesa di S. Stefano a Bologna, i mosaici di Ravenna, la cattedrale di Otranto, ecc.